Emiliano Spaziani

393 6279497

Cos’è la Terapia a Ultrasuoni?

Gli ultrasuoni in fisioterapia si sono dimostrati degli straordinari alleati per la cura di numerosi disturbi.
In questo campo, infatti, gli ultrasuoni sono alla base di una terapia che si dimostra efficace in innumerevoli situazioni.
Gli ultrasuoni della terapia in questione sono, in buona sostanza, delle vibrazioni acustiche la cui percezione non è possibile per l’orecchio umano, avendo una frequenza superiore a frequenza superiore 20 kHz.
La loro creazione artificiale in fisioterapia è legata alla proprietà di alcuni cristalli minerali che sono sottoposti all’azione di un campo di corrente alternata.12076933_10207846508630630_2092248865_n
L’irradiazione così stimolata dà luogo a un micro-massaggio di notevole intensità in grado di intervenire nei tessuti in profondità.
La terapia a ultrasuoni prevede poi, come diretta conseguenza della vibrazione, l’urto tra le strutture intercellulari e cellulari mediante il quale si genera calore.
Gli ultrasuoni nella loro terapia fanno dunque sì che essa preveda una complementarità tra l’effetto meccanico e quello termico.

Come funzionano gli ultrasuoni in tale terapia?

La trasmissione del fascio di ultrasuoni dalla testina a ultrasuoni ai tessuti biologici da trattare è indolore e non invasiva.
Gli ultrasuoni in tale terapia causano variazioni di pressione che generano, in base alla modalità, al dosaggio e alla durata dell’applicazione, una serie di effetti da suddividersi in meccanici, termici, fisico-chimici e antalgici.
Tali effetti implicano un aumento della microcircolazione dei tessuti ma anche della loro temperatura, nonché una stimolazione chimica locale e una separazione dei legami cellulari nelle strutture interessate dal fascio che, a seconda della frequenza, può penetrare la cute dai 2 ai 5 cm.
Le modalità di applicazione degli ultrasuoni nella terapia di cui si sta parlando possono rubricarsi in: pulsanti, continue, a testina mobile o a immersione (in quest’ultimo caso si fa perno sulle caratteristiche conduttrici proprie dell’acqua).

In quali situazioni è indicata la terapia a ultrasuoni?

Gli ultrasuoni sono alla base della terapia che cura:
– Calcificazioni (poiché l’aumento di temperatura sommato alla micro iperemia e alle micro vibrazioni locali, contribuisce a disgregare i depositi di calcio localizzati a livello di tendini, legamenti e ossa)
– Aderenze e cicatrici (ripristinando l’elasticità cutanea senza bisogno di ricorrere alla chirurgia)
– Strappi
– Stiramenti
– Epicondilite
– Tendinite
– Fascite plantare
– Condropatie
– Artrosi

La terapia a ultrasuoni è efficace se combinata ad altri trattamenti?

Gli ultrasuoni in fisioterapia trovano applicazione anche nel caso in cui il soggetto si sottoponga ad altri tipi di trattamenti, la cui efficacia risulta, in virtù di tale integrazione, aumentata.
Questo accade soprattutto nel caso di Hilterapia, Tecarterapia, Onde d’urto e Terapie manuali.